Formulario Social Media

Mail destinatario*:
*
Mittente*:
*
Il suo messaggio*:
*

Manca solo il nome

Carmen Didiano non vede l’ora di diventare mamma. La sua attesa è dolce e anche rilas- sante perché ha provveduto ad espletare, assieme al suo com- pagno, tutte le questioni più importanti legate all’evento. Manca solo una cosa: il nome.

La gioia di Carmen Didiano è contagiosa. Il suo volto si accende in un radioso sorriso quando si accorge che fotografo e giorna- lista hanno sbagliato piano. «Io resto senza fiato già solo dopo due rampe di scale», dice nel dare il benvenuto ai suoi ospiti. «Ci siamo trasferiti a Bellinzona appena due settimane fa», avverte subito la futura mamma per scusarsi del disordine e dei numerosi pacchi sparsi per l’appartamento. Le settimane appena trascorse sono state febbrili, continua. «E le prossime saranno ancora più intense ed emozionanti …» Mentre pronuncia queste ultime parole si accarezza il pancione e il suo viso torna a illuminarsi. «Sarà un maschietto», ci svela. «Mancano solo venti giorni…»

Un bimbo desiderato

Uno dei tanti cambiamenti che hanno animato gli ultimi mesi di Carmen Didiano è stato il trasferimento in un appartamento più grande: in quello in cui viveva prima questa famiglia ricomposta, a Magadino, mancava la cameretta per il nascituro. Ora invece, lei e il suo compagno Marco Carta e la figlia 18enne di lui, avuta dal precedente matrimonio, hanno spazio a sufficienza. «Marco e io ci siamo conosciuti cinque anni fa in Sardegna.» È stato amore a prima vista. «Quasi come in un film», precisa. Ha scelto di dirgli la splendida notizia organizzando una cena nel loro ristorante preferito. «Ho posato un ciuccio sul suo piatto vuoto.» Il messaggio era inequivocabile. «È rimasto senza parole per l’emozione», racconta Carmen Didiano con occhi luminosi. La gravidanza, racconta, le sembra quasi un fatto fantastico, irreale … eppure il pancione che cresce, gli appuntamenti dal ginecologo, le gambine e le braccine sulla prima ecografica, i corsi di nuoto e di ginnastica preparto le ricordano di volta in volta che il suo bimbo è più che reale.

E per finire, una scorta di biberon

La felicità per l’arrivo del nascituro è immensa. «Mia mamma non sta più nella pelle.» Ed è più che comprensibile, considerando che diventerà nonna per la prima volta. «Mi chiama tutti i giorni per sapere come sto.» Pieno di cure si dimostra anche il suo compagno, anche se la gravidanza sta trascorrendo senza alcun tipo di complicazioni. «Non ho sofferto né di grandi sbalzi di umore né di disturbi fisici.» Solo quando è vitti- ma di attacchi di fame si altera legger- mente. «Allora bisogna subito provvedere con un bel panino.» Nessun segno di tensione traspare dal volto della futura mamma, sebbene un’occhiata alla stanza rimanda l’immagine di una cameretta tutt’altro che pronta. «Niente paura! È tutto quanto dentro i pacchi qui attorno», li tranquillizza, invitando gli ospiti a fare una passeggiata in città. Mancano ancora un paio di cosette per il bimbo … e con spirito allegro si infila nel primo negozio di articoli per bambini che incontra.

Ben assicurata per i casi seri

Carmen Didiano è felice anche per aver stipulato una nuova assicurazione malattie, una copertura pensata apposta per la famiglia. Se n’è occupata subito dopo aver appreso di essere incinta. La proposta di ÖKK l’ha subito convinta: «Con il pacchetto ÖKK FAMILY l’intera famiglia è ben assicurata in caso di problemi seri», spiega la futura mamma. Potrà inoltre soggiornare in una camera famigliare in ospedale quando partorirà. Ed infine, dice sorridendo compiaciuta, scegliendo ÖKK si è assicurata pannolini Pampers gratis per un anno intero e consegnati direttamente a casa. Certo, non è stato questo il fattore decisivo che l’ha spinta a scegliere ÖKK, precisa, ma i suoi buoni servizi. La giurista, dopo il parto, vuole continuare a lavorare. Come riuscirà a conciliare la sua professione con il nuovo mestiere di mamma?

Sarà un’avventura tutta da scoprire. È anche curiosa di scoprire se riuscirà ad attuare tutti i buoni propositi che si è preposta. «Ovviamente mi chiedo se sarò all’altezza nell’affrontare tutte le sfide che comporta l’essere madre», ammette. Ma al momento, non si fa molti problemi al riguardo. Non è il tipo di persona che si fascia la testa prima di rompersela, soprattutto considerando che si è ben preparata. Non vede l’ora che il bimbo nasca. Ha prenotato la sua camera nella Clinica Santa Chiara a Locarno, si è sottoposta all’ultima visita del ginecologo e il piccolino pesa già tre chilogrammi. Solo sul nome non è stata presa ancora una decisione unanime. «Mancano appena 20 giorni … poi la famiglia Didiano-Carta conterà un componente in più», conclude Carmen Didiano. E fa risuonare nell’aria la sua cristallina risata contagiosa.

Proprio quello che ci vuole per le famiglie

Le famiglie sono le benvenute presso ÖKK: i pacchetti assicurativi ÖKK FAMILY e ÖKK FAMILY FLEX sono stati pensati appositamente per le famiglie.