Formulario Social Media

Mail destinatario*:
*
Mittente*:
*
Il suo messaggio*:
*

Vaccinazione – combattere le malattie ricorrendo ai loro stessi agenti patogeni

Da quando è stata introdotta la vaccinazione, oltre 200 anni fa, è possibile prevenire numerose malattie. Non solo quelle che un tempo erano considerate «pandemie» hanno perduto il loro carattere nefasto, ma è diminuita anche la paura di queste malattie e la conoscenza della vaccinazione come metodo di prevenzione. ÖKK risponde ad alcune domande centrali sul tema.

Cosa succede esattamente quando ci si vaccina?

Con la vaccinazione vengono iniettati nel paziente agenti patogeni, o parte di essi, disattivati o attenuati. Il corpo riconosce il vaccino come patogeno effettivo e reagisce producendo gli anticorpi specifici. Se successivamente il sistema immunitario incontra il vero agente patogeno, gli anticorpi precedentemente generati impediscono l’insorgenza della malattia.

Chi dovrebbe farsi vaccinare?

L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) pubblica ogni anno un calendario vaccinale sulla base delle raccomandazioni ricevute dalla Commissione federale per le vaccinazioni. Le vaccinazioni di base previste dal calendario sono raccomandate indistintamente a tutti, anche se molte riguardano una determinata fascia d’età. In età neonatale è particolarmente elevato il rischio di contrarre malattie dell’infanzia; a partire dalla pubertà aumenta quello delle malattie a trasmissione sessuale. Ulteriori vaccinazioni sono raccomandate a quelle categorie di persone particolarmente a rischio di essere contagiate da una malattia o per le quali un’infezione potrebbe essere particolarmente pericolosa. Così, per le persone anziane, malattie apparentemente innocue come l’influenza potrebbero rappresentare un pericolo, perché il sistema immunitario si indebolisce con l’avanzare degli anni e il corpo spesso è già debilitato da altre patologie. Anche coloro che sono spesso a contatto con fonti di pericolo dovrebbero prendere in considerazione l’opportunità di vaccinarsi. È ad esempio il caso del personale ospedaliero, dei cacciatori, dei pescatori o anche dei guardaboschi, per quanto riguarda la vaccinazione contro il morso delle zecche.

Per quali malattie ci si dovrebbe vaccinare?

Attualmente, l’UFSP raccomanda di vaccinarsi contro difterite, pertosse, tetano, infezioni invasive da Haemophilus influenzae di tipo b, poliomielite, morbillo, orecchioni e rosolia. Queste vacci- nazioni andrebbero fatte già in età pediatrica. Nell’adolescenza si aggiungono poi le vaccinazioni contro la varicella, il papilloma virus umano (HPV) e l’epatite B. In età adulta si raccomanda di ripetere ogni 10-20 anni i vaccini contro tetano o difterite già effettuati. Prima di un viaggio potrebbero essere necessarie ulteriori vaccinazioni. A questo proposito si consiglia di informarsi presso il proprio medico di famiglia.

Cosa posso fare se ho perso il mio libretto di vaccinazione?

Può chiedere al suo medico curante quali vaccinazioni ha già effettuato. Si consiglia tuttavia di fare delle fotocopie del certificato di vaccinazione. Il sito in- ternet www.lemievaccinazioni.ch offre inoltre la possibilità di registrare online le vaccinazioni.

Quali sono le reazioni che si manifestano in seguito a una vacci- nazione e quando è consigliabile rivolgersi al medico?

Le vaccinazioni eseguite con agenti patogeni disattivati solitamente provocano un’infiammazione della sede dell’iniezione, cui può associarsi dolore, gonfiore o sensazione di calore al braccio. Saltuariamente può comparire febbre. Questi effetti collaterali possono comparire il giorno della vaccinazione o quello successivo. Se si protraggono per oltre cinque o sette giorni, è consigliabile rivolgersi a un medico. Nel caso dei cosiddetti vaccini vivi, come quelli utilizzati contro morbillo, orecchioni e rosolia le eventuali reazioni si manifestano solo dopo un periodo di 5-10 giorni. Anche qui possiamo andare incontro a febbre transitoria e a eruzioni cutanee. Anche in questo caso il consiglio è: in caso di reazioni diverse da queste è bene contattare il medico.

Quali costi si assume l’assicurazione malattie?

I costi delle vaccinazioni raccomandate dall’UFSP vengono assunti, con poche eccezioni, dall’assicurazione di base obbligatoria. ÖKK si assume fino al 90 percento dei costi delle vaccinazioni obbligatorie complementari, per un massimo di CHF 200.– all’anno, se gli assicurati hanno aderito a un pacchetto assicurativo come ad es. ÖKK STANDARD o ÖKK FAMILY.

Raccomandazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica ( UFSP)

Le raccomandazioni dell’UFSP sono riportate sul sito web della Commissione federale per le vaccinazioni.